LOADING

Type to search

I Papà Svedesi

News

I Papà Svedesi

Diego Lug 7
Share




In questa serie di foto “Papà Svedesi”, Johan Bävman mostra dei papà che usufruiscono del loro congedo di paternità, che in Svezia permette ai padri di trascorrere mediamente più tempo con i loro bambini.
“Il sistema attuale consente ai genitori di rimanere a casa con i loro figli per 480 giorni in totale”, dice Bävman “, ricevendo un assegno da parte dello Stato.
“Di questi 480 giorni, 60 devono essere usufruiti dal padre, oppure sono persi.”
Nonostante l’indennità generosa e il bonus, Bävman afferma che solo il 12% dei padri svedesi condivide i 480 giorni di congedo parentale equamente con i loro partner.

“Ho iniziato questo progetto quando ero a casa con mio figlio. E’ stato difficile trovare qualcosa da scrivere come padre. Così mi è venuta l’idea di documentare padri durante il congedo per paternità, sapere perché volevano stare a casa con i loro figli e cosa speravano di imparare da questa esperienza. “- Johan Bävman

Johan Ekengård, 38, product developer at Sandvik

Johan Ekengård, 38, product developer at Sandvik

©Johan Bavman / Moment / INSTITUTE

Johan Ekengård e la su compagna hanno condiviso il congedo parentale in parti uguali per i loro bambini Ebbe, 7, Tyra, 5, and Stina, 1. Entrambi hanno usufruito di nove mesi  per ogni figlio.

“La perdita finanziaria causata dal congedo parente vale ogni corona. Ho acquisito fiducia in me come padre e da parte dei miei figli, comprensione per la mia compagna e rinforzato il legame con i miei figli che, per come la vedo io, è importante per la loro crescita. ” – Johan Ekengård

Urban North, 32, infrastructure consultant

Urban North, 32, infrastructure consultant©Johan Bavman / Moment / INSTITUTE


Urban North è in congedo per 10 mesi con suo figlio Holger.

“Mia moglie ed io abbiam sempre cercato di fare in modo che ci fosse parità  tra di noi nella nostra vita quotidiana. Nostro figlio Holger ha smesso di usare il pannolino già a 4 mesi, cosa su cui entrambi abbiamo lavorato sodo durante i primi mesi e di cui oggi vado molto orgoglioso. La mia giornata è suddivisa tra cucinare e giocare con mio figlio.” – Urbano North

Loui Kuhlau, 28, artist

Loui Kuhlau, 28, artist©Johan Bavman / Moment / INSTITUTE


Loui Kuhlau è in congedo per un anno con suo figlio Elling.

“Non c’è mai stata alcuna discussione su chi dovesse restare a casa con Elling. Era ovvio per me e per la mia compagna che avremmo diviso il congedo parentale allo stesso modo. Se non avessi avuto l’opportunità di stare a casa con nostro figlio per quasi un anno, probabilmente non avrei  mai saputo che tipo di persona è, e quali sono i suoi bisogni. Anche se si tratta di un lavoro a tempo pieno, ho difficoltà a capire il motivo per cui non si vorrebbe stare a casa con il proprio bambino.” – Loui Kuhlau

Samad Kohigoltapeh, 32, construction engineer

Samad Kohigoltapeh, 32, construction engineer©Johan Bavman / Moment / INSTITUTE


Samad Kohigoltapeh è in congedo congiunto per i primi quattro mesi e, successivamente, trascorrerà sei mesi per conto suo, con le sue due gemelle Parisa e Leia, che nella foto hanno 1 settimana.

“Quando si decide di mettere al mondo due bambini, bisogna anche assumersi la responsabilità di farli crescere per tutta la vita. Ho dovuto discutere con la mia companga per ottenere i miei mesi con i bambini, ma penso che sia importante per loro avere un padre presente nella fase iniziale della loro vita. ” – Samad Kohigoltapeh

Ola Larsson, 41, purchaser

Ola Larsson, 41, purchaser©Johan Bavman / Moment / INSTITUTE


Ola Larsson è attualmente in congedo con suo figlio Gustav per otto mesi
.

“Lo stato dovrebbe migliorare e fornire informazioni sui vantaggi che il congedo parentale dà ad entrambi i genitori. E’ un vero dono poter creare tali forti legami emotivi con il proprio bambino. Devi sperimentare il congedo parentale per capire che cosa si perde, prima di decidere di pensare solo a lavorare.” – Ola Larsson

Tjeerd van Waijenburg, 34, product developer at Ikea

Tjeerd van Waijenburg, 34, product developer at Ikea©Johan Bavman / Moment / INSTITUTE


Tjeerd van Waijenburg è in congedo con suo figlio Tim per 1 anno e 4 mesi.

“Nel mio lavoro all’Ikea mi incoraggiano a prendere tempo libero per stare con Tim, che si sente bene. Sto considerando di ridurre la mia settimana di lavoro, allo scopo di passare più tempo con lui durante i suoi primi anni. E’ un peccato che molti papà non vedono i vantaggi del sistema egualitario promosso dallo stato svedese.” – Tjeerd van Waijenburg

Andreas Bergström, 39, senior probation officer

Andreas Bergström, 39, senior probation officer©Johan Bavman / Moment / INSTITUTE


Andreas Bergström sta a casa da  quando  è nato suo figlio più piccolo, Sam. Sta per iniziare sei mesi di congedo parentale, e in precedenza era in congedo per malattia a causa di complicazioni della sua compagna durante il parto e la salute del suo figlio maggiore.

“I nostri figli hanno tanto fiducia in me quanto nella mia compagna. E ‘importante per me essere anche in grado di confortare i miei figli. Dal momento che la mio compagno si è ammalata a causa di complicazioni al momento del parto, ho dovuto essere forte come un del leone e prendere in mano l’educazione di mio figlio nel periodo subito dopo la nascita. Come risultato ho avuto un legame diretto con Sam attraverso il biberon. ” – Andreas Bergström

Marcus Bergqvist, 33, construction engineer

Marcus Bergqvist, 33, construction engineer©Johan Bavman / Moment / INSTITUTE


Marcus Bergqvist è attualmente in congedo parentale con il figlio più grande Ted per sei mesi e il figlio minore Sigge per otto mesi.

“Come madre penso che si cresce come genitore durante la gravidanza; per i padri, tutto accade improvvisamente al momento del parto. Mi chiedo se mio figlio Sigge sarebbe venuto da me quando era triste ad essere confortato se io e sua madre non avessimo condiviso i nostri giorni di congedo. Con il nostro secondo bambino ho cercato di essere più presente, dicendo di no a cose che pensavo che non sarei  stato in grado di gestire, mentre ero in congedo e ho capito che un genitore è soprattutto un essere umano. “- Marcus Bergqvist

Marcus Pranter, 29, wine salesman

Marcus Pranter, 29, wine salesman©Johan Bavman / Moment / INSTITUTE


Marcus Pranter è in congedo parentale per otto mesi con suo figlio.

“Penso che i regolamenti siano stupidi. Si deve solo prendere un congedo parentale, se si desidera, non perché il governo dice di farlo. La mia compagna ed io siamo entrambi genitori di nostro figlio e quindi è giusto condividere la responsabilità della sua educazione. Più si aspetta con l’assunzione di un congedo parentale, tanto più difficile sarà creare un legame con il vostro bambino, come è più facile per i bambini accettare cose nuove e creare legami in tenera età. “- Marcus Pranter

Göran Sevelin, 27, student

Göran Sevelin, 27, student©Johan Bavman / Moment / INSTITUTE


Göran Sevelin è attualmente in congedo di studio di dieci mesi per prendersi cura di sua figlia Liv.

“La fascia porta bebè serve ad aiutare la vicinanza tra madre e figlio durante l’allattamento. Penso che sia importante condividere la responsabilità di stare a casa con i propri figli, anche se si perde finanziariamente. Noi abbiamo meno soldi perché io resto a casa, ma allo stesso tempo avrò più tempo per legare con mia figlia e questo è ciò che è più importante per il nostro futuro insieme. “- Göran Sevelin

Jonas Feldt, 31, job centre administrator

Jonas Feldt, 31, job centre administrator©Johan Bavman / Moment / INSTITUTE


Jonas Feldt è attualmente in congedo parentale per un anno con sua figlia Siri di un anno. In precedenza è stato in congedo per nove mesi con la figlia Lovis, che ora ha 3 anni.

“E’ stato un campanello d’allarme per me leggere un sondaggio condotto su magazineKamratposten  in cui si diceva che la maggior parte dei bambini si rivolgono a loro mamma quando sono sconvolti, cercano conforto o hanno bisogno di qualcuno con cui parlare. Al secondo posto dopo la madre, c’erano un parente, poi un fratello, poi qualcuno a scuola  e solo una lunga lista, c’era il papà. Voglio che i miei figli si sentano altrettanto sicuri con me come lo sono con la loro mamma e quel legame è qualcosa che costruirò durante il mio congedo parentale. Io non voglio solo essere il genitore divertente.” – Jonas Feldt

Ingemar Olsén, 37, IT consultant

Ingemar Olsén, 37, IT consultant©Johan Bavman / Moment / INSTITUTE


Ingemar Olsén è attualmente in congedo parentale per nove mesi con suo fiiglio di un anno, Linus. In precedenza è stato in congedo per nove mesi con l’altro figlio, Gioele, che ora ha quattro anni.

“Per me è stata una decisione facile quella di prendere un congedo parentale. Anche se il mio posto di lavoro è molto maschilista, mio datore di lavoro ha i valori della famiglia e mi ha incoraggiato a prendere un congedo parentale. Essere un buon genitore significa anche saper affrontare i problemi e le sfide della vita quotidiana. Il congedo parentale mi ha dato un sacco di felicità e una maggiore comprensione dei bisogni dei miei figli “. – Ingemar Olsén

Martin Gagner, 35, administrator at Malmö University

Martin Gagner, 35, administrator at Malmö University©Johan Bavman / Moment / INSTITUTE


Martin Gagner è in congedo parentale per circa sei mesi con Matilda, 4, e Valdemar, 1

“Mi sento in colpa per non essere stato a casa con Matilde quanto sono ora con Valdemar. Temo che il mio rapporto con lei sarà più debole in futuro a causa del fatto che ho lavorato all’inizio della sua vita e penso che come genitore, è importante essere partecipi fin dall’inizio.” – Martin Gagner

Juan Cardenal, 34, industrial-design student

Juan Cardenal, 34, industrial-design student©Johan Bavman / Moment / INSTITUTE


Juan Cardenal è stato in congedo parentale per 18 mesi, nove con Ivo, 1, e nove con Alma, 4.

“Sarò sempre eternamente grato per essere stato in grado di essere in congedo per così tanto tempo. Il congedo parentale ha cambiato il mio modo di vedere la vita: ha creato un cambiamento di ritmo e ho avuto il tempo di riflettere sulle cose. Durante il secondo congedo parentale ho avuto l’opportunità di cambiare la mia carriera e allo stesso tempo ho avuto modo di vedere i miei figli imparare a camminare, parlare e mangiare. “- Juan Cardenal

Michael Winblad, 35, self-employed

Michael Winblad, 35, self-employed©Johan Bavman / Moment / INSTITUTE


Michael Winblad è in congedo part-time per 9 mesi con i suoi figli Matisse, 2, e Vivianne, 5 mesi.

“Faccio fatica ad avere un buon rapporto con i miei figli. Pertanto, il congedo parentale all’inizio della vita dei propri figli è importante per me e sono stato fortunato ad avere una moglie che mi ha coperto, quando ho dovuto lavorare. “- Michael Winblad

Johan Bävman ha fotografato 30 papà finora. Il suo obiettivo è quello di fotografare 60, che rappresenta i 60 giorni di congedo che i padri sono incoraggiati a prendere.

All Images are © Johan Bävman.




Commenta

Commenta

Tags:

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi